mercoledì 24 dicembre 2008

FINO ALLA VITTORIA. SEMPRE!!

Innanzitutto vorrei fare a tutti i miai più sinceri auguri per un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo. Sono settimane ormai che stento nell'aggiornare questo blog, e quindi credo che sia arrivato per me il momento di prendere con serenità una decisione: chiudere per il momento questo blog promettendovi un giorno di ritornare. Sono da un pò di tempo impegnato in un progetto per la mia città che mi sta rubando un pò troppe energie, non tanto fisiche quanto mentali. Non riesco ad essere attento come prima alle vicende nazionali ed internazionali e sarebbe inutile se non ridicolo continuare a scrivere qui cose banali.
Prometto a tutti i miei lettori, a tutti i miei amici di blog, a tutti i miei COMPAGNI che ritornerò, più in forma che mai, ringranziandoli per l'affetto e l'attenzione che mi hanno riservato in questi mesi. Mi raccomando...in mia assenza: SU LA TESTA!!

Vi lascio con un messaggio arrivatomi su Facebook e con un bellissimo video, per ricordarvi sempre quali sono le mie speranze e i miei ideali.

FINO ALLA VITTORIA. SEMPRE!!



"Per me la sinistra è prendere per mano la persona che mi sta accanto,
non avere paura di camminare per le strade,
vedere negli occhi di chi viene in Italia a cercare una speranza
gli stessi occhi dei nostri padri e dei nostri nonni
che quella speranza la cercarono pochi anni fa
non un secolo fa,
in viaggi di nevi e lacrime
verso un altro luogo, un altro orizzonte,
reduci dalla fame, dalla luce nera, dalle macerie.
Per me la sinistra è la forza della memoria,
la cicatrice che diventa comprensione.
il dolore che si trasforma in tolleranza,
il passato che è una porta spalancata sul futuro,
sono i nostri figli
la nostra voglia di libertà, di pace,
di nuvole da contare e raccontare.
Per me la sinistra è la terra dura, la zappa del contadino,
lo studio per tutti,, il razzismo sepolto dai colori,
un fiume che si chiama giustizia,
l´allegria di essere per gli altri e con gli altri.
Insieme. Uniti. Felici"

(D.P)

DA Gaetano \"Gato\" Alessi


sabato 20 dicembre 2008


Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su
bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno
sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti
all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul
lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un
sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi
non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i
giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non
fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli
chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida
felicità.
(Martha Medeiros)

Ben poco da aggiungere. BELLISSIMA

(Fu usata in malo modo da Mastella nel suo ultimo discorso alla Camera. È un dovere riappropiarsene!)

venerdì 12 dicembre 2008

In questo io credo


A volte mi chiedo... ma io politicamente cosa sono? Un comunista? Beh, no.... non credo nella rivoluzione come metodo di riscatto sociale. Un socialista? Questo termine in Italia non si può usare, colpa del ladro finito in Tunisia. Un riformista? Fin troppo già abusato questo termine...
E allora? E allora sono un semplice ragazzo che non ha bisogno di etichette. Credo nell'uguaglianza tra gli uomini. Credo nel rispetto verso il prossimo. Credo che nessuna cosa al mondo possa dare il diritto ad un uomo di sfruttare un suo simile.
Non si può essere felici da soli se non lo sono tutti. Ognuno ha il diritto di vivere la propria vita liberamente per realizzare i propri sogni, ma solo nella felicità collettiva si può trovare il vero traguardo. Questo è quello che mi hanno insegnato. Questo è quello in cui credo
E questo mi basta.

"Verrà il giorno in cui l'oro non sarà più Dio, e l'uomo non sarà più schiavo"

lunedì 8 dicembre 2008

Good morning America


In queste ultime settimane ho poca voglia di scrivere e come avrete notato il numero dei miei interventi è sensibilmente calato. Tuattavia riguardando i miei vecchi post, ho notato che negli ultimi mesi non ho mai parlato di un argomento che invece ha rimpito pagine e pagine di tutti gli organi di stampa, ossia l'elezione a presidente degli USA di Barack Obama.
Credo di non aver toccato minimamente questo argomento per un motivo preciso: avrei probabilmente ripetuto le stesse cose che venivano ricordate da tutti i blog e testate giornalistiche varie. Ora, a distanza di qualche settimana, credo sia giunta l'ora anche per me di trattare quest'argomento, parlando dell'unica speranza che ho. Guardate il video sotto (di mia creazione) basato su una canzone de "La Casa del Vento". Ascoltate bene le parole e guardate bene le immagini... Spero che tra quattro anni questa canzone diventi deltutto anacronistica, un semplice ricordo di un brutto passato....
Spero in te Obama...


domenica 30 novembre 2008

Illumina l'oscurità!




I miei lettori (pochi ma sempre presenti...grazie!) avranno sicuramente notato un notevole cambiamento nel look del mio blog. Non è la prima volta che avviene questo, e anche per questa volta come per le altre c'è una spiegazione. Ho da poco iniziato un progetto politico che sto portando avanti con altri giovani. Una lista civica, con la quale probabilmente ci presenteremo alle prossime elezioni comunali nella mia città insieme ad un'altra lista di "anziani".
Non so dove arriveremo, non so cosa otterremo. So solo che la mia coscienza mi ha detto che era giunto il momento di fare qualcosa, di tentare, di osare. È giunto il momento di "illuminare l'oscurità". E quale immagine può rappresentare meglio questo tentativo se non l'alba di un nuovo giorno?

Ne approfitto per ringraziare coloro che seguono questo mio piccolo spazio di libertà, e chiedo loro di esprimere un parere su questo "nuovo look".

Un caloroso saluto
Luca

ILLUMINA L'OSCURITÀ!

mercoledì 26 novembre 2008

Cosa centra il socialismo con Sgarbi??


Dal sito di Piero Ricca:
“I socialisti milanesi esprimono a Vittorio Sgarbi la loro piena solidarietà dopo la contestazione subita ieri sera ad opera di un gruppo organizzato di facinorosi, fascisti e giustizialisti, durante la presentazione alla libreria Feltrinelli del libro su suor Letizia (Moratti)”
Lo ha dichiarato Roberto Biscardini della Segreteria Nazionale del Partito Socialista che ha aggiunto: “Indaghi la questura da dove vengono, chi li ha mandati e quali erano i loro obiettivi. Indaghino i magistrati perché a Milano se accusi questa giunta di governare la città facendo favori ai propri amici o, come ha detto Sgarbi, se dichiari che la città è governata da “ultraconservatori” non solo sei censurato dalla grande stampa, ma sei contestato in pubblico da gruppi organizzati.
Il clima è molto più pesante di quel che si crede, Milano libera e liberale – ha concluso Biscardini – non si merita un periodo oscurantista e illiberale come quello che il PDL di Letizia Moratti vuole fare ingoiare ai suoi cittadini.”
Questo non è socialismo




QUESTO È SOCIALISMO!!

domenica 23 novembre 2008

Morire di scuola


(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Un cedimento strutturale - non il vento o il maltempo - sarebbe la causa del crollo del soffitto del liceo a Rivoli (Torino). E' l'ipotesi che arriva dai vigili del fuoco, mentre sono in corso accertamenti. Secondo il Codacons il 75% degli istituti scolastici e' a rischio.'Da anni denunciamo lo stato di fatiscenza delle scuole italiane - afferma il presidente Carlo Rienzi - senza ottenere alcun intervento delle istituzioni'.Il Codacons chiede una revisione di tutti gli istituti.

Eggià. Buongiorno Italia. Quando si tagliano i soldi per il bene pubblico, quando si fa finta di non vedere, quando si antepongono gli interessi privati al'interesse collettivo.... ecco quello che succede!!
Non bastavano i morti sul lavoro. Ecco una nuova tipologia di "morti bianche" tutta italiana (io comunque preferisco sempre chiamarle con il loro vero nome, ossia OMICIDI COLPOSI).
Per queste tragedie dov'è la famigerata "tolleranza zero" dei Silvio boys??
In Italia si muore sul lavoro, si muore sulla scuola, si muore nel mar Mediterraneo...
L'avidità, l'egoismo e l'amore per il Dio Denaro sono le uniche cose che non muoiono mai.

E in tutto qusto l'"opposizione" piddina che fa??
(Da repubblica.it)
Veltroni sottolinea l'importanza dell'"ascoltare". A suo giudizio, la possibilità che "gli uomini politici ascoltino le opinioni di persone che hanno competenze in campi importanti della vita pubblica del Paese è un fatto positivo. Ne abbiamo tratto molte buone ragioni per continuare lungo la scelta di innovazione programmatica e di profilo di un grande partito riformista, di massa e moderno", che dev'essere "capace di dare risposte a una società in profondo cambiamento e in una crisi drammatica nella quale sono racchiuse molte opportunità".

Mmm...queste parole l'ho già sentite qualche mese fa... verso aprile... ricordate tutti com'è finita vero??

E il cavalier piduista Berlusconi?

"
Credo che ieri il crollo della scuola di Torino sia stata una drammatica fatalità'"

BASTAAAAAAAAAAAA!!!!!

martedì 18 novembre 2008

La vita non ha prezzo!



Da Repubblica:
“Sono stupito e perplesso, l’accusa di omicidio volontario mi sembra di una gravità eccessiva, non mi pare che vi siano fatti tali da giustificare tale impostazione. Decideranno i giudici e la loro decisione sarà sovrana, ma confido che durante il percorso processuale saranno portate alla luce le vere responsabilità”. A dirlo è il presidente del Comitato tecnico di Confindustria sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Samy Gattegno, in un’intervista a Repubblica, parlando della decisione del gup di rinviare a giudizio i vertici della Thyssen Krupp per omicidio volontario con dolo eventuale: “Quella sera alla Thyssen si è consumato un fatto gravissimo e sono convinto che la verità sarà accertata. Non so quali elementi abbia in mano la magistratura, ma so che il personale è la risorsa più pregiata che un’azienda possa avere, credo che non esista imprenditore che volutamente trascuri il tema della sicurezza. Lo dimostra il fatto che in tanti casi è il capo dell’azienda a morire assieme ai suoi operai, come si è visto anche a Bologna”.

Riguardo il numero degli incidenti sul lavoro, per Gattegno “sono sempre troppi, non ce ne dovrebbe essere nessuno. Ma l’Italia è nella media europea: stiamo parlando di 700 morti l’anno. Tantissimi, d’accordo, per evitare i quali è necessario fare tutto quanto possibile e anche di più. Ma ricordiamo che i morti sulle strade sono 7 mila”. Gattegno sottolinea anche le attività del Comitato tecnico di Confindustria che presiede: “Cerchiamo di diffondere la cultura della sicurezza. Il Comitato fa un’operazione capillare nelle grandi e soprattutto nelle piccole aziende, operando sul territorio con corsi di formazione per responsabili e dipendenti e sensibilizzando sul tema gli imprenditori e le categorie”.

Lo posso dire? Questa persona è un porco! Mi fa schifo! Ma come si fa a parlare con questa superficialità della perdita di vite umane? Come si fa a non considerare minimamente il dolore provato da intere famiglie distrutte, da figli che non vedranno più i loro padri o da mogli che non vedranno più i loro mariti?
Il lavoro è un diritto e un dovere, attraverso il quale l'uomo può vivere una vita dignitosa e giungere alla propria felicità. Non deve essere un mezzo per passare a "miglior" vita!!
I PADRONI QUANDO COMINCERANNO A CONSIDERARE LE VITE DEGLI OPERAI PIÙ IMPORTANTI DEL PROPRIO PROFITTO??

domenica 16 novembre 2008

Il Testamento di un Buffone

La canzone che ha ispirato il mio blog...



Favole affrante e vuote di malinconia
Nebbia che affonda giorni e solidarietà
Ci dicon son precarie nuvole e utopia
Ma là nella metropoli sprofonda la realtà

Senza filtri nelle strade passeggia il buffone
Salta sopra i cocci di un'ormai sorda città
Non c'è spazio per compianto né moderazione
A chi ha straziato i suoi valori per cieca tranquillità

Non correte, non scappate via
Un giorno non può vivere senza la sua utopia
Non correte, non scappate via
Nel nulla del benessere svendete la vostra viltà
Tra voli disperati di fantasmi e falsi giorni
Non correte non scappate via
Svegliatevi pagliacci prima o poi
Come farete senza sogni

Certo un buffone non sarà di compagnia
Al vegliardo che coi sogni non sa più parlar
Per chi la carovana è ormai sfuggita via
Il prezzo dell'orgoglio è nell'errore sprofondar

Ma nelle poltrone armate di menefreghismo
Striscia un canto vuoto d'idee senza identità
Dicon "Non sarà poi male un po' di opportunismo"
Grazie ma declino ho troppo a cuore la mia integrità

Signori spettatori
Un altro treno è ripartito
Io vi lascio il testamento di un amore che la sua vita ha inseguito
Col sorriso ripartirò con voi
Avanti avvicinatevi e nel cuore nessuno si vergogni
Guardate guardate su non scappate via
Qui c'è un buffone armato di poesia che danza ancora coi suoi sogni

venerdì 14 novembre 2008

Quel giorno arriverà...

Ed eccomi qua... erano un pò di giorni che non scrivevo. Nessuna notizia mi dava particolarmente ispirazione. E poi, all'improvviso, ecco l'ennesima vergogna tutta italiana...

Tutti assolti.

Nell´aula bunker il dolore e lo stupore della gente. "Siete per sempre coinvolti"
di Wanda Valli
Sentono quella parola "assolti" per i vertici della polizia, sentono le cifre: 2500 euro, 3000 euro, per i loro ragazzi pestati a sangue nella notte della Diaz, e scattano: "Vergogna", urlano dal pubblico, fatto di madri, padri, sorelle di quei giovani. Sono le nove e mezzo di sera, il processo sui fatti della scuola Diaz, su quello che accadde là dentro nella notte tra il 21 e il 22 luglio del 2001, è appena finito.
(da genova.repubblica.it)


Ci sarebbero molte cose da dire, troppe. Ancora una volta il nostro paese si è dimostrato indegno di chiamarsi "paese civilizzato". Non bastavano l'attacco alla scuola pubblica, gli attacchi della Chiesa cattolica nel caso Eluana o i metodi fascisti di Cossiga per mantenere la "democrazia". No, ora è arrivata questa ulteriore sentenza a ricordarci ancora una volta che il Medioevo in Italia non è mai finito. Bene gente, c'è chi come la Bruni si è detta fiera d'essere diventata francese dopo le dichiarazioni del nano psicopatico. Io non la penso così. Io sono italiano.
Questo è un paese di merda, ma è il mio paese. SU LA TESTA!!



UN GIORNO

E' un giorno
In cui ti senti ormai sconfitto
Tutto quello in cui credevi
Si è perduto via lontano.

La mano
Camminava con il cuore
Il pensiero e la passione
Per raggiungere qualcosa di più bello.

Credevi per andare lontano
Si dovesse migliorare
Tutto quello che vedevi
Intorno.

Andavi
Costruendo il nostro giorno
Sei caduto per la strada
E non è cresciuto niente hai perso ancora.

Non perdere adesso
La tua tenerezza
Ritrova la forza
Pensando che un giorno.

Un giorno quando arriverà quel giorno
Tutto quello in cui credevi
Sarà parte di qualcuno e andrà raccolto
Un giorno quando arriverà quel giorno
La tua piccola speranza
Sarà parte di qualcuno e andrà raccolta.

Univi
Il sudore in una goccia
Che alleviasse dalla sete
E che desse ancora un senso alla tua storia.

Ma vedi
I tuoi fiori già recisi
Gli orizzonti ormai dissolti
E che tutto intorno a te
E' indifferente.

Non perdere adesso
La tua tenerezza
Ritrova la forza
Pensando che un giorno.

Un giorno quando arriverà quel giorno
Tutto quello in cui credevi
Sarà parte di qualcuno e andrà raccolto
Un giorno quando arriverà quel giorno
La tua piccola speranza
Sarà parte di qualcuno e andrà raccolta.

Un giorno quando arriverà quel giorno
Tutto quello in cui credevi
Sarà parte di qualcuno e andrà raccolto
Un giorno quando arriverà quel giorno
La tua piccola speranza
Sarà parte di qualcuno e andrà raccolta

(Casa del vento -"Il grande Niente, 2006)


domenica 9 novembre 2008

SI, NOI SIAMO DIFFERENTI!!


Il pagliaccio protagonista di questo video non mi rappresenta e non rappresenta interamente la mia nazione! Intendo specificare al mondo intero che:





Siamo milioni di italiani e siamo invisibili.
Siamo milioni e non siamo volgari.
Siamo milioni e non siamo razzisti.
Siamo milioni e non abbiamo dimenticato la nostra storia.
Siamo milioni e non abbiamo dimenticato di essere un popolo di emigranti.
Siamo milioni e non abbiamo dimenticato che eravamo dalla parte sbagliata nella seconda guerra mondiale.
Siamo milioni e siamo onesti e civili. .
Siamo milioni e NON CI riconosciamo nelle parole del signor Berlusconi.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NON PARLA PER NOI - SI' NOI SIAMO DIFFERENTI


There are millions of us Italians and we are invisible.
There are millions of us and we are not vulgar.
There are millions of us and we are not racists.
There are millions of us and we have not forgotten our history.
There are millions of us and we have not forgotten that we are a people of emigrants.
There are millions of us and we have not forgotten that we were on the wrong side in the Second World War.
There are millions of us and we are honest and civil.
There are millions of us Italians who DO NOT recognize ourselves in Mr. Berlusconi's statements.

THE PRIME MINISTER DOES NOT SPEAK FOR US – YES, WE ARE DIFFERENT

BLOGGER DIFFERENTI... ADERITE!!

WE ARE DIFFERENT!!

sabato 8 novembre 2008

Siamo l'onda che vi travolge!





È molto bello rendersi conto di non essere soli. Trovarsi in una piazza in mezzo a centinaia di persone che hanno le tue stesse idee, i tuoi stessi sogni, le tue stesse speranze. Trovarsi in mezzo a così tanti giovani che hanno deciso di dire "BASTA!", vedere le facce sbalordite e un pò incazzate delle persone dentro i bus pubblici rimasti intrappolati nell'"onda", guardarsi intorno e pensare:"siamo tanti, ce la possiamo fare!".

La manifestazione ad Ancona dell'altro giorno è stato tutto questo... e proprio per tutto questo è stata bellissima!
Per tornare alla macchina io e i miei amici al ritorno ci siamo dovuti fare chilometri a piedi, tutti sudaticci, stanchi e senza voce. Ma poco importa, l'importante era ribadire un concetto fondamentale...

SILVIO, NON CI AVRAI MAI COME VUOI TU!!

Photobucket
Photobucket

Photobucket

Photobucket

"E se credente ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti."
(Canzone del Maggio-De André)

giovedì 6 novembre 2008

EVVAI!! Ho una laurea!!



Mosca, 6 nov. (Apcom) - Alla fine di una giornata moscovita costellata dalle polemiche per "l'abbronzatura" del neopresidente Usa, Barack Obama, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sbotta: "Io mi sono veramente rotto e dico quello che penso". E il capo di Governo italiano non teme nessun riflesso sui rapporti con Washington. "So che quando veniamo qua (in Russia) siamo in una sintonia totale con il presidente (Dmitri Medvedev) e il primo ministro (Vladimir Putin)", ha detto, sottolineando che negli Stati Uniti è sempre stato lo stesso. "In America avete visto come sono stato accolto dal presidente Bush e con la nuova amministrazione sarà lo stesso". Secondo il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, se "qualcuno ha da obiettare" sulla battuta relativa all'abbronzatura di Obama, "può sempre prendere la laurea del coglione quando vuole".

EVVAI!!

Grazie Silvio!! Grazie a te ho fregato Tremonti, e nonostante la legge 113 avrò un pezzo di carta su cui basare il mio futuro!

Siamo noi il vero paese in cui tutto è possibile!!




In Memoria di Enzo Biagi - Partigiano


Da un messaggio inviatomi su Facebook dal gruppo A.N.P.I.:

"Un anno fa ci lasciava Enzo Biagi, giornalista e Partigiano. Dopo un anno la sua mancanza è ancora più sentita, gli ideali per i quali lui e tutti i Partigiani hanno combattuto, sono più che mai minacciati dalle attuali destre al governo. Il suo e il loro esempio deve continuare a darci la speranza di Resistere e guardare con fiducia non retorica al futuro che comunque sarà nostro. Ora e sempre Resistenza!!

Questo è il comunicato stampa diffuso dalla FIAP

FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI PARTIGIANE

In morte di *ENZO BIAGI*

*I SUOI COMPAGNI PARTIGIANI DI “GIUSTIZIA E LIBERTÁ” LO RICORDANO CON GRANDE AFFETTO, NELLA MEMORIA DEI GIORNI DELLA RESISTENZA E DELLA LIBERAZIONE.*

*SIA ONORE A LUI CHE HA SAPUTO NELLA SUA LUNGA E GLORIOSA CARRIERA DI GIORNALISTA E SCRITTORE TESTIMONIARE SEMPRE CON CUORE PULITO DEI VALORI DI GIUSTIZIA, DI LIBERTÁ E PACE, SENZA CEDERE A COMPROMESSI, OBBEDENDO SOLTANTO ALLA VOCE DELLA PROPRIA COSCIENZA MORALE.*


*Gaggio Montano, 6 novembre *

Questo è un sms per noi della figlia Bice Biagi

GRAZIE INFINITE A TUTTI VOI CHE SIETE STATI I SUOI AMICI PIU' CARI E OGGI I NOSTRI. Bice Biagi "

Ciao Enzo. Non ti dimenticheremo mai!

mercoledì 5 novembre 2008

I pestaggi di Piazza Navona.... nuovo video!


Per chi avesse ancora dei dubbi riguardo i fatti di Piazza Navona, pubblico questo ulteriore video per ribadire ancora una volta la verità...
Possiamo ammirare il giovanotto che cantava sopra al furgone del Blocco Studentesco "Siamo tutti studenti" e "Né rossi né neri ma liberi pensieri" mentre prende a cinghiate gli altri studenti nella piazza insieme ai suoi amici camerati. Presto, all'arrivo dei centri sociali, quelle cinghie si trasformeranno magicamente in mazze tricolori...

Servi dei servi... chi vi ha mandato??

martedì 4 novembre 2008

Bocchino contestato a Tor Vergata



AGGIUNTA POCO INERENTE AL POST:

Questa è un regalo per l'anonimo coglione dei commenti al post precedente...



L'asta per lo striscione è in corso su e-bay a questo indirizzo.

Grazie Russo!

lunedì 3 novembre 2008

Le usanze di Casa Pound Italia

I video riguardanti gli scontri in Piazza Navona di questi giorni mi hanno fatto molto indignare. Non posso accettare di essere stato letteralmente per il culo da fascisti così infami da creare video deltutto diffamatori, in cui i lupi diventano agnelli grazie ad intere sequenze d'immagini totalmente tagliate.

Chi la fa l'aspetti... Ho deciso di divulgare un pò le "usanze" del Blocco studentesco, gruppo di estrema destra responsabile dei pestaggi a Piazza Navona. IL Blocco (mentale) fa riferimento a Casa Pound, centro sociale di estrema destra situato a Roma presso il quartiere Esquilino. Fondatore di Casapound è Gianluca Iannone, cantante dei Zetazeroalfa.

Nel video sotto possiamo vedere un concerto tipico dei Zetazeroalfa, con Iannone ben riconoscibile sul palco. La canzone s'intitola "cinghiamattanza". Da notare come i cavernicoli presenti al concerto mettono subito ben in vista le cinghie e all'improvviso si dilettano a prendersi a cinghiate tra loro. Per chi pensava che ogni esemplare di homo sapiens fosse scomparso, questo è un brusco ritorno alla realtà...




Quelli che a Piazza Navona portavano "Gioia e allegria"...




domenica 2 novembre 2008

(...)
"Non basta stare a contare
le nostre medaglie
ricordo dei nostri morti
caduti allora;
bisogna affrontare tante
nuove battaglie
per togliere il marcio che
ci avvelena ancora.

Quel marcio che ci avvelena
città e officina,
famiglia, caserma, scuola
e tribunale
quel marcio che può di nuov
portar rovina
che può fare andare il nuovo
raccolto a male.

Fascismo é questo marcio
che ci ricatta
che cambia colore ma resta
sempre quello,
che sopra l'orbace ha messo
la cravatta
e che chiama sfollagente
il manganello.

Gli sbirri fascisti ancora
sono protetti
da quei vecchi protettori,
sempre da quelli
che un tempo gli han fatto
uccidere Gobetti
e adesso gli fanno uccidere
Pinelli.

E quei vecchi protettori
son parassiti
Che cambiano il vino buono
tutto in aceto
ma noi gli dobbiam gridare
più forte e uniti
che non ci può più bastare
piazza Loreto."

sabato 1 novembre 2008

Né rossi né neri... ma fascisti col cazzo!!

Un altro bel video per smontare le menzogne dei fascisti del Blocco Studentesco. E a pensare che all'inizio ero stato anche molto cauto contro di loro. Quasi mi ero illuso che fossero davvero studenti come me interessati al bene dell'istruzione pubblica...






Gli anni passano. Le usanze restano...

Verità finale su Piazza Navona!

Roma - Piazza Navona, la versione del governo. "Gli scontri più duri dell’altro ieri sono stati avviati da un gruppo di circa 400-500 giovani dei collettivi universitari e della sinistra antagonista che è venuto a contatto con gli esponenti di Blocco Studentesco (giovani di destra)". Lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Francesco Nitto Palma, nell’informativa urgente del governo alla Camera sugli scontri legati alle proteste contro la riforma Gelmini.
(Il Giornale, 31 ottobre 2008)



Ringrazio il mio amico blogger Il Russo per avermi portato a conoscenza di questo video, nel quale si vedono chiaramente squadristi fascisti che iniziano con pestaggi e cinghiate a creare disordine ben prima dell'arrivo dei centri sociali e dei collettivi studenteschi.
Nel video viene chiaramente ritrato anche "Zippo", l'infiltrato di Cossiga amicone degli agenti di polizia, che in più video affermava di chiamarsi Alberto Palladino e di essere un militante di estrema destra.

Caro Alberto, la "cinghiamattanza" tenetevela per i concerti dei Zetazeroalfa del caro Iannone. Le piazze lasciatele a chi vuole essere libero e quindi SERVO DI NESSUNO!

NÈ ROSSI, NÈ NERI, MA LIBERI PENSIERI!!

Manifestaziono ad Ancona NO133

Mercoledì 5 novebre manifestazione regionale ad Ancona contro la legge 133.
Per ogni marchigiano che vuole difendere il suo futuro e quello dei suoi cari...


VIETATO MANCARE!!

Photobucket

giovedì 30 ottobre 2008

L'infiltrato di Cossiga racconta balle....

Guardate questi due video e facciamoci ognuno un'idea su ciò che è accaduto.
Il fascista protagonista di entrambi i video afferma che non è stato buttato a terra dagli agenti perchè altrimenti avrebbe avuto gravi problemi a rialzarsi causa contusioni. Poi però afferma che nel parlare con il poliziotto questo si rivolge a lui con queste parole:"Oggi vi ammazziamo tutti quanti!". Bene...

Mi volete i forse far credere cari fascisti che un poliziotto che usa tali termini con una persona avrebbe talmente compassione delle sue contusioni da non farlo sdraiare per terra a forza di manganellate?
Ma a chi la volete raccontare??

Le spranghe che avete usato da dove sono uscite? Come hanno fatto a superare il "servizio d'ordine"??
Come mai poi, nel video che posto qui di seguito, si vede chiaramente un agente chiamare per nome uno di voi??






mercoledì 29 ottobre 2008

Gli sbirri infiltrati di Cossiga...


Due semplici domande...

Come ha fatto un camion pieno di uomini con spranghe a superare indisturbato il servizio d'"ordine" della polizia?

I ragazzi ritratti nelle foto come questa sotto saranno davvero tutti "studenti"??


...o ci sono forse anche degli SBIRRI INFILTRATI!?

Visitando il sito del "Blocco studentesco", movimento di estrema destra accusato dell'attacco, risulta chiaro l'appoggio alla difesa della scuola pubblica. L'attacco di ieri non ha senso. O meglio, assume senso solamente se vi accostiamo le parole di cossiga dell'altro giorno:

“Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città. Dopo di che forti del consenso popolare, il suono delle sirene della ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri, nel senso che le forze dell’ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale”.

IL MAESTRO HA DATO LEZIONI...

AGGIORNAMENTO:

Ho trovato in rete questo video. È la versione dei fatti del Blocco Studentesco. No viene ripreso il camion carico di ragazzi con spranghe di cui si parla mel video sopra.
Io sinceramente ho le idee sempre più confuse...
SO SOLO CHE LE PAROLE DI COSSIGA NON SONO STATE PAROLE CASUALI!





"Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina".

Piero Calamandrei, 1950




martedì 28 ottobre 2008

Università d'Ancona, inizia la protesta!

Nella giornata di oggi per la prima volta ho partecipato ad una manifestazione di protesta universitaria. Presso l'aula magna dell'Ateneo di Ancona era infatti in programma per oggi un'assemblea generale degli studenti, per informare sulla Legge 133, fare il punto della situazione e decidere il da farsi. La mattinata è stata molto interessante, con interventi di vario genere che hanno "scaldato i cuori", e come si può vedere dalla foto sotto la partecipazione è stata massiccia.




Nella tarda mattinata l'assemblea si è spostata all'aperto con l'"occupazione" dell'anfiteatro dell'ateneo. Qui hanno parlato ed espresso le proprie opinioni vari studenti (tra cui uno favorevole alla riforma, anche se non si è capito bene il perchè...) e da qui è partito in seguito un corteo di circa un migliaio di studenti che ha "fatto visita" alle varie facoltà presenti nei dintorni. Corteo in verità forse a tratti un pò troppo silenzioso, ma positivo è stato il buon numero di studenti partecipanti.

Alla fine siamo tornati tutti in Aula Magna, dove si è deciso attraverso un voto per alzata di mano di "occupare" la sala polifunzionale dell'ateneo e lì dividersi in gruppi per organizzare meglio l'informazione verso l'esterno e verso il resto degli studenti.

Personalmente sono rimasto favorevolmento colpito da questa mia prima esperienza di protesta attiva e spero nei prossimi giorni di poter dare un maggiore contributo. Alcuni studenti occuperanno l'aula anche stanotte e per domani mattina è prevista un'altra assemblea.

Insieme possiamo vincere.

SU LA TESTA!

domenica 26 ottobre 2008

Compagni del PD... SPOSTATEVI A SINISTRA!!

Il giorno dopo la grande manifestazione del PD a Roma, mi sento di fare alcune considerazioni.
Trovo bellissimo il fatto che centinaia di migliaia di persone siano ancora disposte a farsi ore di viaggio per manifestare il proprio disappunto verso il governo Berlusconi. Trovo meno belle invece le contraddizioni emerse da quella piazza e mi lascia deltutto indifferente il discorso di chiusura di Veltroni. Come faccio a rimanere indifferente alle sue parole? Semplice, basta pensare a quante volte in passato ha sostenuto la necessità di dialogare con il governo e di non gridare al regime. Di lui ora non mi fido minimamente. Non mi posso fidare.



Semplici anche le contraddizioni emerse dalla piazza che vorrei sottolineare.
Cosa ci fanno Calearo e Colaninno in una manifestazioni in cui sventolano ben visibili le bandiere di Che Guevara e in cui qualcuno canta "Bandiera Rossa"??
Come può Fioroni manifestare per la scuola pubblica quando lui stesso aumentò i finanziamenti statali verso le scuole private, non toccò gli sprechi evidenti e manifestò con i fascisti al Family Day??
Come può Marini affermare che questa manifestazione dimostra la forza del PD quando fino ad un mese fa definiva necessaria un'alleanza con l'UDC di Casini e Cuffaro??
E molto altro ancora...

Probabilmente ai compagni presenti nel PD (e sono tanti...) sembrerò essere il solito qualunquista che non sa fare altro che sparare a zero contro tutti. Quindi voglio dire a tutti loro che apprezzo molto la voglia di non sottomettersi al neoduce che hanno dimostrato ieri e voglio rivolgermi a loro con un invito concreto, traendo spunto da una simpatica iniziativa attuata dalla Sinistra Democratica nella manifestazione di ieri:



SPOSTATEVI A SINISTRA!!

sabato 25 ottobre 2008

Berlusconi dai cinesi...

"All'epoca di Mao, in Cina non mangiavano i bambini ma li bollivano per poi usarli come fertilizzante per i campi'."


24 ottobre 2008:

"Abbiamo detto chiaramente che non accetteremo mai che il regime iraniano possa dotarsi di un'atomica". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, durante una conferenza stampa all'Ambasciata d'Italia di Pechino dopo aver partecipato al vertice Asem.
Dunque, ha aggiunto, "abbiamo invitato la Cina e il Giappone a darsi da fare per fare pressione su Teheran in questo senso.
Siamo aperti all'uso del nucleare per scopi pacifici, ma un'arma nucleare non deve mai trovarsi nelle mani del regime iraniano".

Come presidente? Adesso dialoga con i "bollitori di bambini"?

mercoledì 22 ottobre 2008

DIFENDI LA SCUOLA PUBBLICA!!

Riporto sotto un pezzo significativo della legge 133 , scritta da Tremonti e approvata dal parlamento il 6 agosto 2008 (quando le università erano praticamente chiuse e impossibilitate quindi a protestare... strano vero??):

"In attuazione dell'articolo 33 della Costituzione, nel rispetto delle leggi vigenti e dell'autonomia didattica, scientifica, organizzativa e finanziaria, le Università pubbliche possono deliberare la propria trasformazione in fondazioni di diritto privato. La delibera di trasformazione è adottata dal Senato accademico a maggioranza assoluta ed è approvato con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. La trasformazione opera a decorrere dal 1°gennaio dell'anno successivo a quello di adozione della delibera."

L'attacco alla scuola pubblica è stato attuato in tutto il suo orrore.Vogliono far diventare l'istruzione una merce, lo studio un privilegio per pochi, la laurea un miraggio per molti.
FERMARLI spetta solo a noi. È dovere chi ogni cittadino che ha a cuore il bene comune partecipare alle varie iniziative che in questi giorni stanno portando avanti gli studenti di tutta Italia in difesa del diritto allo studio. Insieme possiamo vincere.


MENO SPAZIO ALLE PAROLE...

PIÙ FATTI NELLE STRADE!!


martedì 21 ottobre 2008

Moni Ovadia, per non dimenticare!

Questo video è tratto da PdCITV, la nuova televisione sul web creata dal Partito dei Comunisti Italiani.
Non sono un tesserato di questo partito e non condivido totalmente le sue posizioni. Però credo che questo nuovo spazio possa contribuire positivamente nella lotta per la libertà in questo periodo buio, in cui anche i più elementari diritti sono messi in discussione.
Benvenuta PdCITV!!

domenica 19 ottobre 2008

Una semplice domanda agli elettori del PD...

“Berlusconi è un buffone, un grandissimo bugiardo, uno squadrista della tv. E’ l’espressione del cinismo sovversivo antinazionale che è la vera faccia della destra in Italia. E’ un pericolo anche per l’Europa. E’ il capo di una banda che antepone i propri interessi a quelli dell’Italia”.
(Massimo D’Alema, 5 marzo 1995)

“Se si arrivasse a un sistema presidenziale, Berlusconi potrebbe concorrere alla massima carica dello Stato perchè ci sarebbero quei pesi e quei contrappesi che consentirebbero anche a lui di governare meglio il paese”.
(Massimo D’Alema, 28 ettembre 2008)


Cari amici militanti del PD... anzi.. cari COMPAGNI, la mia domanda è semplice:

Vi fidate ancora di gente come D'Alema??

sabato 18 ottobre 2008

La bianca vergogna

Da ANSA.it:

ROMA - C'è un nuovo tassello da inserire nel cangiante e spesso contraddittorio mosaico del rapporto tra Pio XII e gli ebrei nell'autunno del 1943, quando le Ss di Herbert Kappler arrestarono poco più di mille romani nel ghetto e nei quartieri della "città aperta" e li spedirono ad Auschwitz.

Si tratta di documenti che arrivano dagli archivi inglesi e americani, visto che quelli vaticani sono tuttora inaccessibili. Uno di questi illustra l'incontro avvenuto due giorni dopo la retata nel ghetto, il 18 ottobre '43, tra il Papa e l'inviato straordinario della Gran Bretagna presso la Santa Sede: in quella occasione Pio XII tace sulla retata e il diplomatico gli chiede di interpretare con maggior determinazione il suo ruolo. In quel contesto Pacelli afferma che i tedeschi si sono comportati "correttamente" con il Vaticano.

In quelle ore il treno con gli ebrei romani sta per partire verso Auschwitz. Due mesi dopo la deportazione degli ebrei romani il Papa, il 13 dicembre del '43, conversando con l'ambasciatore tedesco Ernest von Weiszaecker, che aveva cercato di opporsi alla deportazione, aveva illustrato la sua posizione sugli sviluppi della guerra. Il diplomatico aveva riassunto il tutto in un rapporto che è stato rintracciato durante alcune ricerche dagli studiosi Mario J. Cereghino e Giuseppe Casarrubea che le pubblicheranno in un prossimo volume.

"Il Papa si augura - afferma il rapporto fatto avere ai servizi americani da Fritz Kolpe, la più importante 'talpa' che gli Usa avevano all' interno del ministero degli Esteri tedesco - che i nazisti mantengano le posizioni militari sul fronte russo e spera che la pace arrivi il prima possibile. In caso contrario, il comunismo sarà l'unico vincitore in grado di emergere dalla devastazione bellica. Egli sogna l'unione delle antiche Nazioni civilizzate dell'Occidente per isolare il bolscevismo ad Oriente. Così come fece Papa Innocenzo XI, che unificò il continente (l'Europa) contro i musulmani e liberò Budapest e Vienna".

Proveniente dagli archivi inglesi è invece il resoconto dell'incontro del 18 ottobre del '43 tra l'inviato straordinario inglese Sir D'Arcy Osborne e il Papa. Da due giorni gli ebrei romani sono stati prelevati dalle loro case; lo stesso giorno, alle 14, partiranno dalla stazione Tiburtina verso il campo di concentramento. Nulla il Papa dice di quanto è avvenuto in quelle ore. Pio XII parla della difficile situazione alimentare a Roma che potrebbe portare a tumulti e della sua volontà di non abbandonare la città a meno di non essere "rimosso con la forza".

L'ambasciatore è colpito dall'atteggiamento del Papa che gli dice di non avere elementi per lamentarsi del generale Von Stahel, comandante della piazza militare di Roma, e degli uomini della polizia tedesca "che finora hanno rispettato la neutralità" della Santa Sede. "Io ho replicato - scrive il diplomatico nel rapporto indirizzato al ministro degli Esteri Eden - di aver capito che quando il Vaticano parlava di preservare 'Roma citta' apertà, si riferisse alle operazioni militari. A parte il fatto che la denominazione 'Citta' apertà è una farsa, l'Urbe è alla mercé dei tedeschi che sistematicamente la privano di tutti i rifornimenti e della manodopera, che arrestano ufficiali italiani, giovani e carabinieri e che applicano metodi spietati nella persecuzione degli ebrei. (...)".

Il diplomatico cerca di far uscire Pio XII dal suo atteggiamento. "Io ho affermato che Egli dovrebbe fare tutto il possibile per salvaguardare lo Stato della Città del Vaticano e i suoi diritti alla neutralità. Egli ha replicato che in tal senso e fino a questo momento, i tedeschi si sono comportati correttamente", aggiunge nuovamente il diplomatico. Una affermazione fatta mentre la città è ancora sotto choc per la retata arrivata dopo il ricatto dei 50, inutili, kg di oro chiesti agli ebrei per evitare la deportazione. "A mio parere - scrive ancora il rappresentante inglese - molta gente ritiene che Egli sottostimi la Sua autorità morale e il rispetto riluttante di cui Egli è oggetto da parte dei nazisti, dal momento che la popolazione tedesca è cattolica. Ho aggiunto di essere incline a condividere questa opinione e l'ho esortato a tenerlo bene in mente nel corso dei futuri avvenimenti, nel caso emergesse una situazione in cui fosse necessario applicare una linea forte".

"Mettendo a raffronto i due documenti - commentano gli studiosi - risulta chiaro che Pacelli si sente a suo agio con l'ambasciatore tedesco. Con il rappresentante inglese assume un atteggiamento freddo, facendo leva su un giudizio del tutto formale tanto da suscitare la inusitata reazione del diplomatico". I due studiosi, già autori di un volume sulla guerra al comunismo in Italia tra il '43 e il '46, "Tango connection", sottolineano la difficoltà di raccogliere in Italia elementi documentali sulla questione ebrei-Vaticano: "Tuttavia migliaia di documenti sulla situazione della Santa Sede negli anni della seconda guerra mondiale sono da tempo disponibili negli Archivi di College Park negli Stati Uniti e di Kew Gardens in Gran Bretagna. Sono carte provenienti dai fondi dei servizi segreti angloamericani, del Dipartimento di Stato Usa e del Foreign Office britannico", spiegano. "Il nostro archivio ww.casarrubea.wordpress.com), conserva rapporti dei Servizi Usa sulle pesanti ingerenze esercitate dalla Santa Sede e in particolare da Pio XII e da Montini, il futuro Paolo VI, nella formazione del primo governo De Gasperi".

Paolo Cucchiarelli


Serve forse aggiungere altro? In queste settimane BENEDETTO XVI ha provato a revisonare la memoria storica. Per me invece restano come verità queste frasi (tratte da questa canzone), valide sia per Pio XII che per il suo predecessore Pio XI:

"Vil pregava la bianca vergogna
Contro il fiore della libertà
Gli occhi chiusi di nera menzogna
Nel silenzio la sua immunità"

mercoledì 15 ottobre 2008

Incoerenze della Lega

Volete un esempio di incredibile INCOERENZA??
Ecco a voi un intero video dedicato alle menzogne della Lega Nord.

L'INCOERENZA FATTA PARTITO!!

domenica 12 ottobre 2008

Fascisti che vanno... fascisti che vengono...

Ricordate queste dichiarazioni di Abbiati?

«Io non ho vergogna a manifestare la mia fede politica. Del fascismo condivido ideali come la Patria e i valori della religione cattolica.Del fascismo rifiuto le leggi razziali, l’alleanza con Hitler e l’ingresso in guerra, ma mi piace la capacità che aveva di assicurare l’ordine, garantendo la sicurezza dei cittadini».

Ecco gli amici di Abbiati in gita turistica a Sofia, accompagnati da alcuni amici bulgari:


Puro MADE IN ITALY d'esportazione...



Aprendo i giornali di oggi però si possono leggere anche un'altre notizie:

Da La Stampa:
"Ha perso la vita in un incidente d’auto Joerg Haider, rifondatore dell’estrema destra austriaca della quale era tornato leader di recente. Haider, 58 anni, all’alba stava guidando la sua auto ufficiale nella parte sud di Klagenfurt, capitale del Land della Carinzia di cui era governatore, allorchè ha compiuto un’improvvisa sterzata andando a cozzare contro un altro veicolo; quindi ne ha perso il controllo ed è uscito violentemente dalla carreggiata, dopo essersi ribaltato diverse volte."


Da L'Unità:
"Tra le bandiere rosse e quelle verdi con il 'Sole che ride', tra le bandiere della pace e gli striscioni che fanno il verso alle politiche devastanti del governo Berlusconi, ci sono militanti e simpatizzanti arrivati a Roma da tutta Italia. Cantano, ballano, marciano per dire che «sono contro la distruzione della scuola pubblica, contro un modello di lavoro che inneggia al precariato, contro la politica fatta a misura e a piacimento del premier». E sono a favore invece di un'opposizione di sinistra radicale e soprattutto unita."

FINALMENTE QUALCHE BUONA NOTIZIA...

venerdì 10 ottobre 2008

Forza Italia

Io mi sento italiano, direi che sono orgoglioso d'esserlo, ma mi vergogno degli italiani. PIù passa il tempo e più mi sembra che siamo diventati in gran parte un popolo di creduloni, che vogliono credere solo a chi dice loro che sta andando tutto bene, poi se questa è o no la verità poco importa.
La crisi economica sembra inarrestabile, eppure Berlusconi si dice ottimista. Il governo è pronto ad usare soldi pubblici per aiutare le banche e le assicurazioni in caso di difficoltà. Allo stesso tempo però annuncia di voler diminuire le tasse per le imprese... e con quali soldi??
Come ho detto Berlusconi si annuncia ottimista,... e questo mi terrorizza terribilmente! Il perchè? Guardate il video sopra, guardate le sue affermazioni prontamente smentite dai fatti.
Bertolaso si vanta di aver risolto una crisi che in realtà è in pieno svolgimento. Si domanda: ma dove erano i napoletani quando la camorra portava i rifiuti? Io preferisco fare un'altra domanda: DOV'ERA LO STATO??
Comunque effettivamente il grande stratega Bertolaso non ha tutti i torti. È ora di agitarsi, istruirsi, organizzarsi. Dobbiamo prendere noi stessi cittadini l'iniziativa. Perchè qualsiasi problema di questa nostra Italia non sarà certo risolto da chi quel problema l'ha creato.

FORZA ITALIA!

martedì 7 ottobre 2008


La pena che i buoni devono scontare per l'indifferenza alla cosa pubblica è quella di essere governati da uomini malvagi.
(Platone)

lunedì 6 ottobre 2008

Il papa condanna il Dio denaro... eppure..



Parole di Benedetto XVI, in apertura dei lavori del sinodo dei vescovi sulla Bibbia:


"Vediamo adesso nel crollo delle grandi banche che i soldi scompaiono, sono niente, e tutte queste cose che sembrano vere in realtà sono di secondo ordine. Lo ricordi chi costruisce solo sulle cose sono visibili, come il successo, la carriera, i soldi". . "Solo la parola di Dio è una realtà solida"



Eppure, appena sei mesi fa...



Il Papa a Bush: Dio salvi l'America e la sua libertà


Mah...

domenica 5 ottobre 2008

Comunisti ovunque

Ma cosa sta succedendo nell'economia?




GIANFRANCO FINI
"Deve finire il dogma del libero mercato!"


EMMA MARCEGAGLIA
"La crisi dei mercati finanziari è deflagrante, dalle dimensioni impressionanti. Per uscirne deve intervenire lo stato, perchè è l'unica soluzione possibile in un afase d'emergenza: non ci sono alternative".


GIULIO TREMONTI
"Il denaro non produce magicamente denaro..."


A pensare che prima ce l'avevano tutti con il signore qui sotto...


venerdì 3 ottobre 2008


NESSUNA INDIFFERENZA!

L'Italia razzista...

In Italia ogni giorno sembrano moltiplicarsi gli episodi di razzismo. Giovani ragazzi di colore vengo presi a sprangate al grido di "sporco negro", e nonostante ciò molti ancora negano che si tratti di puro RAZZISMO.
Per risolvere il problema dell'ingente immigrazione clandestina sembra quasi che non si riesca trovare una soluzione aldifuori di opposte demagogie. Una parte della sinistra continua a parlare in modo vago di solidarietà e di società multiculturale, ignorando il fatto che necessariamente occorre trovare almeno un rimedio parziale per regolare i costanti flussi immigratori che stanno interessando la nostra penisola (senza naturalmente precipitare nella xenofobia). Dalla parte opposta la destra, anzi l'estrema destra (non esiste una destra costituzionale in Italia) fa qualcosa di tremendamente peggio: inneggia all'odio, alla guerra tra poveri, facendo credere che sia possibile reimpatriare tutti gli extracomunitari e che l'Italia non abbia bisogno della manodopera straniera.
È chiaro che qui, da un parte e dall'altra, urge trovare soluzioni realistiche e smetterla di continuare a fare pura propaganda. Chi sta al governo oggi solo solamente sporchi razzisti che non sanno e non vogliono risolvere il problema, ma io mi chiedo: siamo sicuri che chi sta all'opposizione oggi, anche fuori dal Parlamento, abbia idee chiare su come bisogna agire?
Intanto essere umani continuano a morire a largo delle nostre coste, nell'indifferenza quasi generale...


"Senza acqua
Senza pane
Coi pidocchi
Come eravamo noi
Ti ricordi i "forbidden"
Ai cani e agli italiani
Quanto e' lungo un giorno senza pane
Cos'e' il razzismo lo hai dimenticato..."

domenica 28 settembre 2008

Ieri Berlinguer, oggi Veltroni... AIUTO!!!

Dal Corriere della Sera, intervista a Veltroni:

Sull'Alitalia il Pd è stato a lungo in difficoltà. Del resto, il vostro ministro ombra è il figlio del capo della cordata.
«Lei non pensa che in Italia cominci a esserci un pensiero unico? Sono stanco dell'assenza di una coscienza critica che ignora la trave e si concentra sulla pagliuzza. Il premier è padrone di mezzo Paese, sua figlia entra nel consiglio di Mediobanca, e il conflitto di interessi è quello di Matteo Colaninno? Se in passato l'egemonia della sinistra ha asfissiato la destra, ora l'egemonia della destra asfissia il Paese. C'è un clima plumbeo, conformista, come se a chi governa fosse consentita qualsiasi cosa. La Gelmini arriva a Cernobbio in elicottero, come neppure Dick Cheney. Il premier non va all'Onu, non partecipa alla trattativa Alitalia, per andare al centro Messegué; senza che nessun tg lo dica. Leggo sull'Espresso che a San Giuliano c'è stata una selezione tra gli operai, per fargli incontrare solo quelli più bassi di lui. Non so come li abbiano trovati; so che queste cose accadono nei sistemi autoritari. Ma i riflettori vengono puntati su di noi. Se un dirigente locale del Pd fa una critica, finisce in prima pagina. Se il sindaco di Roma smentisce Berlusconi sulla legge elettorale per le Europee, finisce in un colonnino».

Berlusconi non ha partecipato alla trattativa per Alitalia? Malissimo.... ma perchè Veltroni nei stessi giorni invece di cercare l'appoggio dei lavoratori e andare a parlare direttamente con loro (come per esempio ha fatto Di Pietro, non certo un bolscevico...) ha preferito presentare un libro a New York?? (I giornali del Caimano non aspettavano altro....guarda qui!)

Interessante poi come Veltroni definisce semplice "pagliuzza" l'enorme conflitto d'interessi interno alla famiglia Colaninno. Il leader (?) del PD sa bene infatti che il ministro ombra Colaninno è consigliere d'amministrazione della Immsi s.p.a., società attraverso il quale il padre Roberto guida la cordata per Alitalia. (clicca qui).

Walter vorrei tanto che guardassi il video che ho postato... Ascolta le parole di Berlinguer, ascolta il tuo passato, quello che hai rinnegato e tradito!

venerdì 26 settembre 2008

Riprendiamoci le nostre città!

"Venghino" nella cruda realtà
Dove un lamento inerme mi ha colpito
Sveglia marionette, eccovi qua
Sul baratro della mondanità
Qui nel fango di una falsa verità
Che vende ancora l'oro quando è fogna
Dorme il tempo abbandonato alla viltà
Del qualunquismo occidental

Parto ad inseguire un'utopia
Che sguardi affaticati non vedranno
Temo che la tua democrazia
Col fuoco non porti la libertà
Forse è tardi ma sto correndo via
A ricucire i buchi della vostra ipocrisia
Nella mia città la carovana va
Cercando solidarietà
Voi, sognatori fate al caso mio
Per fare un santo non ci vuole un dio
Solidarietà, sto correndo qua
Per risanare i vuoti della vostra falsità

Qui c'è ancora una città
Nell'innocenza scivola
Ho inseguito una città
Tra le rovine di un mondo sommerso
Qui c'è ancora una città
La mia città
Dicono della mia verità
Volgare, irriverente ed estremista
Tutto ma non posso tollerar
Se un coscienza è cieca è perché ha smesso di gridar
Popoli e città sfracellati via
Dal fantasma della guerra e dell'economia
Nella mia città porto umanità
A giornate mutilate dalla vostra civiltà