sabato 1 novembre 2008

Verità finale su Piazza Navona!

Roma - Piazza Navona, la versione del governo. "Gli scontri più duri dell’altro ieri sono stati avviati da un gruppo di circa 400-500 giovani dei collettivi universitari e della sinistra antagonista che è venuto a contatto con gli esponenti di Blocco Studentesco (giovani di destra)". Lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Francesco Nitto Palma, nell’informativa urgente del governo alla Camera sugli scontri legati alle proteste contro la riforma Gelmini.
(Il Giornale, 31 ottobre 2008)



Ringrazio il mio amico blogger Il Russo per avermi portato a conoscenza di questo video, nel quale si vedono chiaramente squadristi fascisti che iniziano con pestaggi e cinghiate a creare disordine ben prima dell'arrivo dei centri sociali e dei collettivi studenteschi.
Nel video viene chiaramente ritrato anche "Zippo", l'infiltrato di Cossiga amicone degli agenti di polizia, che in più video affermava di chiamarsi Alberto Palladino e di essere un militante di estrema destra.

Caro Alberto, la "cinghiamattanza" tenetevela per i concerti dei Zetazeroalfa del caro Iannone. Le piazze lasciatele a chi vuole essere libero e quindi SERVO DI NESSUNO!

NÈ ROSSI, NÈ NERI, MA LIBERI PENSIERI!!

7 commenti:

Rigitans' ha detto...

ti ringrazio per avermi segnalato il video. ciao

il Russo ha detto...

Bravissimo, facciamolo girare il più possibile!

Blogger ha detto...

Akul grazie, video interessantissimo, in particolare Rai 2 e l'intervento della professoressa.
Grazie ancora.

Blogger
ITALY ITALIA

stefano ha detto...

ridicolo che chiudi il post proprio con uno dei cori del Blocco!

bruno ha detto...

E' usuale che durante le manifestazioni ci siano mezzi dotati di amplificazione.
Ed i manici di piccone tricolore......
Hanno mandato in Parlamento un sottosegretario, perchè un ministro non avrebbe avuto la faccia di dire certe banalità.

Carlo ha detto...

Grazie per la segnalazione del video.Che il governo difenda e per prenda per buona la versione dei fasci la dice lunga sull'aria che tira in Italia.

AKUL87 ha detto...

@Stefano

Guarda che quello non è solo un coro del blocco...
È lo slogan usato in tutte le università italiane. Era scritto pure in una lavagna dell'aula occupata presso la facoltà d'ingegneria d'Ancona.. e ti assicuro che tra gli occupoanti di fascisti non ne ho visti neanche uno.
Lle manifestazioni di questi giorni non sono di parte ma sono per i futuro di noi tutti